Il litchi o la ciliegia della Cina: tutti i benefici

Il litchi è un frutto derivante dalla pianta della famiglia delle Sapindaceae tipico della Cina. La pianta sempreverde può raggiungere anche i 30 metri di altezza e vivere per centinaia di anni, tant’è che i primi frutti inizieranno a nascere solo dopo 10 anni di crescita dell’arbusto. Dato che esso predilige un clima caldo e tropicale, in Italia l’albero di litchi viene coltivato solo in alcune regioni del sud. I litchi crescono in grappoli e si presentano come delle grosse bacche dalla scorza dura e a scaglie che, con un po’ di fantasia, ricordano quasi le squame di un drago.
Per consumare questo frutto è sufficiente aprire la scorza e accedere alla succosa polpa bianca, di sapore estremamente dolce e simile a quello dell’uva.
Il litchi viene regolarmente acquistato e consumato anche in Italia, soprattutto durante il periodo invernale. Utilizzato spesso come dessert e ottimo per concludere i pasti date le sue riconosciute qualità digestive, il litchi gode anche di numerose proprietà benefiche. Vediamone alcune.

Ricchezza di vitamina C e proprietà antitumorali
Il litchi possiede un alto livello di vitamina C, importante al fine di prevenire l’invecchiamento e proteggere dai radicali liberi, dannosi per le componenti della cellula e causa di problemi gravi come tumori, disturbi cognitivi o altre malattie del cuore. Inoltre, la presenza della vitamina C classifica il litchi come un buon alleato per rinforzare il sistema immunitario.

Presenza delle vitamine B e B3, utile per prevenire l’arteriosclerosi
Nel litchi è inoltre disponibile un buon livello di vitamina B, accompagnato dalla vitamina B3. La vitamina B3 presente nel litchi è di rilevante importanza per la purificazione del sangue e la dilatazione dei vasi sanguigni, classificandosi quindi fondamentale per la prevenzione di patologie quali l’arteriosclerosi.

Presenza di rame, fosforo, potassio e magnesio
Il litchi può vantare anche una cospicua presenza di rame, fosforo, potassio e magnesio, utili per rafforzare il cuore e l’apparato circolatorio. Questi elementi svolgono anche un’importante funzione per ottimizzare la circolazione sanguigna e l’arrivo di ossigeno agli organi che lo necessitano.

Presenza di antiossidanti
Nel litchi è presente inoltre l’oligonol, un composto ottenuto dall’unione di vari polifenoli che si distingue per le sue proprietà antiossidanti. Il frutto cinese risulta dunque adatto alla protezione da virus influenzali e da raggi UVA che andrebbero a danneggiare la pelle.

Rimedio per il mal di testa
La medicina cinese impiega spesso il litchi come il miglior frutto per far passare un problema fastidioso come l’emicrania. Probabilmente ciò è dovuto all’azione dell’acido nicotinico contenuto dal frutto, utile anche a ripulire il sangue dal colesterolo cattivo.

Curiosità
Come detto all’inizio di questo articolo, quella del litchi è una pianta molto longeva. Sembra infatti che in Cina sia presente un albero di litchi di oltre 1200 anni! Inoltre il litchi, da millenni apprezzato in Cina, poteva addirittura essere accettato come merce di scambio per il pagamento dei tributi.
Considerato capace di combattere varie malattie veniva definito, in antichi testi medici cinesi, un “dono per la vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.