Allergia intolleranza nichel

Allergia e Intolleranza al Nichel: Descrizione, Diagnosi, Dieta e Cura

Allergia intolleranza nichel
Allergia o intolleranza al nichel

Fenomeno in costante aumento nella popolazione, l’intolleranza al Nichel – che nelle sue forme più gravi può assumere lo status di allergia – è una patologia estremamente delicata che rende necessaria l’adozione di contromisure nella vita di tutti i giorni.

In questo articolo troverete alcune informazioni utili per imparare a conoscerla, identificarne i sintomi e, se necessario, mettere in atto rimedi ed accorgimenti per contrastarne i sintomi.

Allergia e Intolleranza al Nichel: Descrizione

Spesso erroneamente associata a semplici eruzioni cutanee da contatto, l’intolleranza e, in particolar modo, l’allergia al Nichel è in realtà una patologia seria legata a tanti aspetti della quotidianità e, per questo motivo, può andare a stravolgere lo stile di vita della persona colpita.

A provocare i sintomi nei soggetti allergici o intolleranti è infatti il mero contatto con questo metallo, presente in moltissime sostanze, da alcuni tipi di frutta e verdura, ai prodotti industriali a – persino – l’acqua del rubinetto!

La distinzione tra una semplice intolleranza e la ben più grave allergia è determinata dal tipo di reazione che l’organismo ha al contatto. Nel caso di reazioni allergiche, infatti, viene coinvolto il sistema immunitario e possono presentarsi gravi rischi per la salute.

Allergia e Intolleranza al Nichel: Sintomi e Diagnosi

Un aspetto molto importante da tenere sempre presente quando si tratta di intolleranza o allergia al Nichel è che i sintomi negli individui affetti dalla patologia possono non essere immediati, bensì presentarsi anche a 48 ore dal contatto.

La violenza con cui si manifestano i sintomi sono generalmente direttamente correlati con la quantità di Nichel contenuta nell’alimento ingerito o nell’oggetto con cui si è entrati in contatto.

Ecco dunque i più comuni sintomi scatenati dall’intolleranza al Nichel:

  • Dermatiti e sfoghi cutanei su faccia, mani e arti
  • Afte e infiammazioni gengivali
  • Gonfiore addominale e disturbi gastrointestinali
  • Nausea
  • Emicranie
  • spossatezza

Nei casi di allergia al Nichel, questi sintomi si presentano in modo più violento e possono essere accompagnati da vere e proprie crisi allergiche con conseguenti problemi respiratori.

Per diagnosticare un’allergia o intolleranza al Nichel è possibile effettuare un Patch test. L’esame consiste nell’applicazione sulla pelle del paziente di un cerotto che rilascia gradualmente piccole dosi di questo metallo: se la cute reagisce presentando arrossamenti o sfoghi, il soggetto viene dichiarato a rischio.

Allergia e Intolleranza al Nichel: Rimedi e precauzioni

Come già anticipato, l’intolleranza al Nichel e, in particolar modo, la sua forma allergica, comportano dei cambiamenti considerevoli nella vita quotidiana degli individui affetti.

Oltre a prestare particolarmente attenzione agli alimenti introdotti nella propria dieta, infatti, gli intolleranti al Nichel devono adottare alcuni accorgimenti:

  • Cucinare in pentole di vetro o acciaio inox
  • Evitare di indossare bigiotteria o indumenti che contengano nichel
  • Minimizzare i contatti con cerniere e bottoni

Allergia e Intolleranza al Nichel: Dieta da seguire

Veniamo dunque all’aspetto alimentare.

Per quanto riguarda la dieta da seguire, è molto importante sottolineare la distinzione tra soggetti allergici ed intolleranti. I primi, infatti, devono necessariamente astenersi in modo totale da alcuni alimenti ad alto contenuto di Nichel, mentre i secondi possono far seguire ad una prima fase più restrittiva una dieta di riequilibrio.

Ecco dunque gli alimenti da eliminare:

  • Cibi in scatola
  • Lievito chimico
  • Farina integrale e di mais
  • Tè, cacao
  • Margarina
  • Frutta secca (uvetta, nocciole, mandorle, arachidi)
  • Frutti di mare, aringhe
  • Alcune verdure (funghi, broccoli, spinaci, cipolle, pomodori, carote, lattuga, asparagi)
  • Alcuni tipi di frutta (pere e prugne)
  • Legumi

Esistono poi degli alimenti che è possibile consumare, ma con moderazione:

  • farina bianca 00
  • riso
  • frutta (salvo le eccezioni prima elencante)
  • insaccati
  • cavoli e cetrioli
  • olio di oliva
  • caffè

Tra i cibi concessi abbiamo invece:

  • pasta non integrale
  • tutti i tipi di carne
  • pesce (ad eccezione delle tipologie sopra specificate)
  • latticini
  • patate

in quanto metallo pesante, il Nichel tende a depositarsi nel liquido interstiziale tra le cellule: bere molta acqua può dunque aiutare ad eliminarlo.

Elisa

Notizie, consigli e curiosità per aiutare a ritrovare uno stile di vita salutare... senza dimenticare la bellezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.