Dieta Chetogenica

Dieta Chetogenica: Come funziona? Rischi, benefici e consigli utili

Dieta Chetogenica
Dieta Chetogenica: Rischi, benefici e consigli utili

Di crescente popolarità negli ultimi anni, la Dieta Chetogenica è uno dei pochissimi programmi alimentari in grado di mettere d’accordo gli sportivi e chi desidera dimagrire. Questo regime dietetico permette infatti una rapida perdita di peso determinata unicamente dalla riduzione della massa grassa, mentre la muscolatura non viene intaccata.

Ecco dunque alcune informazioni utili sul funzionamento della Dieta Chetogenica, con un particolare occhio di riguardo per le conseguenze sull’organismo, sia positive che negative.

Dieta Chetogenica: Come funziona

La Dieta Chetogenica poggia le proprie fondamenta su un principio base del funzionamento del nostro organismo: per svolgere correttamente le normali funzioni vitali sono necessari almeno 180 grammi di glucosio al giorno.

Questo zucchero fondamentale nel sistema del nostro corpo può essere prodotto in due modi: introdotto direttamente attraverso l’alimentazione oppure ottenuto dalla scomposizione delle molecole proteiche e lipidiche. Ed è proprio questa seconda opzione quella favorita dalla Dieta Chetogenica!

Riducendo drasticamente (o addirittura annullando) l’apporto di carboidrati con il cibo, viene infatti stimolato il processo di scissione degli acidi grassi per produrre molecole glucosio. Le proteine vengono invece preservate grazie all’introduzione di una notevole quantità di alimenti proteici, che permettono così di preservare la massa muscolare.

La Dieta Chetogenica (che prende il nome dai corpi chetonici, sostanze liberate durante la scissione di grassi e proteine in glucosio) presenta due diverse tipologie a seconda dell’obiettivo da raggiungere:

  • Ciclica.

Indubbiamente la variante più utilizzata, prevede una fase di scarico (5 giorni) a bassissimo contenuto di carboidrati, seguita da una di ricarica. In questa seconda fase (della durata di appena 1-2 giorni) bisogna assumere circa 10 grammi di carboidrati ogni kg del proprio peso corporeo.

  • Intermittente.

Consigliata per gli sportivi, prevede l’assunzione ad ogni pasto di 0,7 grammi di carboidrati ogni kg di peso corporeo per garantire ai muscoli una riserva di glicogeno.

Dieta Chetogenica: Cosa e come mangiare

Come sopra spiegato, la Dieta Chetogenica rientra nella categoria dei regimi alimentari proteici in quanto favorisce l’assunzione di cibi ad alto contenuto di proteine. In generale, questo programma dietetico prevede tre macro-categorie di alimenti:

  • Proteine

Elemento primario della Dieta Chetogenica, le proteine possono essere introdotte sotto forma di uova, pesce, crostacei, carni bianche e rosse, insaccati e carni conservate.

  • Grassi

Sono concessi sia grassi di origine animale sia di origine vegetale: olio di oliva e di semi, burro, strutto. Per quanto riguarda i formaggi, deve essere privilegiata l’assunzione delle tipologie povere di carboidrati come la mozzarella e i fiocchi di latte.

  • Verdure

Devono venire assunte circa mezzo chilo di verdure al giorno, facendo attenzione ad evitare le varietà ricche di carboidrati (patate, cereali, piselli, carote).

La Dieta Chetogenica prevede inoltre l’utilizzo di integratori mirati al mantenimento e allo sviluppo della massa muscolare.

Per quanto riguarda le rimanenti categorie alimentari, ecco le principali linee guida:

  • Frutta: massimo due pezzi al giorno di frutta fresca, concessa la frutta secca
  • Bevande: bere almeno 2 litri al giorno di bevande non zuccherate
  • Dolcificanti: vietato l’uso di zucchero e miele, mentre sono concessi i dolcificanti sintetici
  • Spezie: Sale e pepe ammessi

Dieta Chetogenica: Proprietà benefiche e dimagranti

Il successo riscosso dalla Dieta Chetogenica è dovuto alla possibilità concreta di perdere peso velocemente riducendo solo la massa grassa e mantenendo intatta quella muscolare grazie all’apporto proteico.

La scissione dei grassi per produrre molecole di glucosio è inoltre un processo più complesso della semplice assimilazione del glucosio tramite l’alimentazione e, di conseguenza, porta al consumo di più calorie favorendo ulteriormente il dimagrimento.

Questo regime alimentare è particolarmente indicato per chi pratica Body Building, in quanto permette di andare a definire la massa muscolare riducendo quella grassa.

In soggetti affetti da epilessia, i corpi chetonici hanno inoltre un effetto positivo in quanto in grado di contrastare l’insorgere di crisi epilettiche.

Dieta Chetogenica: Controindicazioni e rischi

Al di là degli indubbi vantaggi, la Dieta Chetogenica presenta delle controindicazioni che possono trasformarsi in veri e propri pericoli per l’organismo. La continua stimolazione del processo di scissione di acidi grassi provoca infatti una produzione di corpi chetonici ben al di sopra della norma. Il risultato è che queste sostanze finiscono per accumularsi nel sangue con conseguenze anche abbastanza gravi.

Ecco, dunque, le principali controindicazioni di questo regime alimentare:

  • Squilibrio nutrizionale per l’assenza di carboidrati
  • Sovraccarico di fegato e reni per l’eliminazione dei prodotti di scarto delle proteine
  • Accumulo di corpi chetogeni nel sangue con conseguenze gravi fino al coma
  • Costante situazione di stress per l’organismo
  • Frequenti cali di zuccheri e debolezza

Viste i numerosi rischi comportati dalla Dieta Chetogenica, si consiglia questo regime alimentare esclusivamente in casi molto specifici (ad esempio, in presenza di epilessia) e comunque sotto rigoroso controllo medico.

Elisa

Notizie, consigli e curiosità per aiutare a ritrovare uno stile di vita salutare... senza dimenticare la bellezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.