Muira Puama: proprietà e controindicazioni

Muira puama ed effetti afrodisiaci: proprietà, virtù, controindicazioni

Muira puama: questa pianta tipica del Brasile, è molto conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo per i suoi effetti “afrodisiaci”. Scopriamone di più su utilizzi e controindicazioni

Il Muira Puama è una pianta che cresce spontaneamente in Amazzonia e in particolare in Brasile ed è molto apprezzata per i suoi effetti afrodisiaci, energizzanti e rinvigorenti, tant’è vero che viene impiegata per la cura della impotenza maschile e della frigidità femminile. Le tribù autoctone, non a caso, scelsero questo nome, che nella loro lingua significa legno potente, per sottolinearne i suoi effetti positivi in qualità di stimolante sessuale. Contiene, infatti, un alcaloide importante che ripristinerebbe il desiderio sessuale, con effetti positivi sia nel trattamento della disfunzione erettile che nell’aumento della libido. Trova impieghi importanti, attraverso i suoi preparati ricavati dalla radice della pianta, nella cura di diversi disturbi a carico dell’apparato gastro-intestinale e si è dimostrata molto efficace anche per trattare reumatismi, dismenorrea, dissenteria e stress. Scopriamone di più!

Muira Puama: proprietà e controindicazioni
Muira Puama

 

Muira Puama svolge un’azione afrodisiaca di notevole importanza. E…

Secondo alcuni studi il Muira Puama svolgerebbe un’azione afrodisiaca di notevole interesse. Alcune ricerche hanno infatti evidenziato che l’assunzione di questo stimolante sessuale migliori sia l’erezione nei soggetti maschili che l’inturgidimento dei genitali- in particolare del clitoride nelle donne, potenziando considerevolmente il desiderio sessuale. In virtù di ciò, si tratta di un rimedio naturale molto utilizzato nell’ambito dell’impotenza maschile e della frigidità femminile. Oltre a ciò possiede, come tutte le piante e le erbe a scopo curativo, importanti principi attivi che aiutano l’organismo a ritrovare il benessere perduto. Il Muira Puama, infatti, è utile contro reumatismi, dolori mestruali e può essere utilizzato anche come digestivo.

I principi attivi e le proprietà del Muira Puama

La radice e la corteccia della pianta contengono acidi grassi estreri, steroli vegetali e la muirapuamina, un alcaloide che svolge un’azione vasodilatatrice, aumentando così il desiderio sessuale in quanto, stando ad alcune importanti ricerche, agirebbe a livello del sistema nervoso centrale. Il soggetto si sente più energico e vitale e questo suo benessere a livello psico-fisico ha ripercussioni in positivo importanti sul suo vivere quotidiano. Gli effetti a breve termine della pianta prevedono un aumento interessante del flusso sanguigno in corrispondenza della zona pelvica, favorendo l’erezione negli uomini e l’orgasmo nelle donne. Non a caso, questa pianta è particolarmente indicata (sempre nelle dosi e nelle modalità indicate dal medico o dal farmacista di fiducia) nei casi di stanchezza e affaticamento tali da compromettere le normali attività quotidiane, dalla vita in famiglia agli impegni professionali. Gli studiosi, inoltre, non escludono che il muira puama aumenti i livelli di testosterone, anche se ciò non ha avuto ancora importanti conferme.

Effetti collaterali e controindicazioni riscontrate

Il Muira Puama si trova in commercio sottoforma di tintura madre, polvere, infuso, decotto o tisana e trova impieghi sia per uso esterno ( gocce applicate secondo modalità indicate dagli esperti direttamente sui genitali) che interno. Possono comparire effetti collaterali come mal di testa, mal di stomaco e nausea. Tuttavia gli effetti negativi sino ad ora riscontrati sono di lieve entità e spesso correlati all’uso prolungato o al sovradosaggio. Tra i più significativi, oltre all’emicrania ed alla lieve nausea, ricordiamo l’ innalzamento della pressione sanguigna, per cui ne se sconsiglia l’assunzione in soggetti che soffrono di pressione alta. Di norma, gli effetti collaterali scompaiono nel giro di poche ore e solo se si protraggono per più di un giorno, risulta utile contattare uno specialista.  Il medico o il farmacista stabiliranno la giusta dose e le modalità di assunzione, come per tutti i rimedi naturali,  in relazione alle caratteristiche fisiche e psichiche ed alle eventuali patologie del soggetto. E’ preferibile, infine, non assumere preparati a base di questa pianta durante la gravidanza o l’allattamento.

Come tutti i rimedi che Madre Natura ci offre, anche il Muira Puama è in grado di aiutare il nostro organismo a ritrovare il benessere perduto, non credete? Scoprite le altre Cure e gli altri Rimedi di origine naturale, visitando il nostro blog alla categoria dedicata!

 

 

2 commenti

  1. La muira puama per quanto tempo si può assumere consecutivamente ? Grazie

    1. Gentile Edoardo, non ci sono grosse complicazioni ed effetti collaterali, consigliamo di sentire un medico se lei assume altri medicinali e sconsigliamo l’abuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.