edamame

Edamame: curiosità e proprietà dei fagioli di soia

edamame

Gli edamame sono i fagioli verdi di soia che vengono raccolti quando hanno raggiunto l’80% della maturazione e bolliti con tutto il baccello che si elimina prima di consumarli. Gli edamame hanno un sapore molto dolce e sono digeribili, anche se quello che interessa di più i nutrizionisti sono i nutrienti contenuti che hanno un effetto benefico per il nostro organismo tra cui gli antiossidanti e gli isoflavoni. Gli antiossidanti proteggono dall’azione dei radicali liberi, rafforzano il sistema immunitario e riducono la possibilità di sviluppo di tumori e malattie neuro-degenerative. Per quanto riguarda gli isoflavoni invece abbassano la pressione arteriosa e proteggono dal cancro al seno e alla prostata. Le donne in menopausa dovrebbero introdurre gli edamame nella loro alimentazione perché il livello di estrogenti si abbassa, e la soia è nota per la sua azione di contrasto agli squilibri ormonali. Queste proprietà fitochimiche degli edamame, riducono i sintomi della menopausa e le patologie collegate, come l’osteoporosi. Ricordiamo che negli uomini gli edamame contribuiscono all’abbassamento del livello di colesterolo LDL e all’aumento di quello HDL.

Gli edamame hanno un contenuto di proteine vegetali maggiore dell’86% rispetto ai fagioli di soia maturi e costituiscono il 36% del totale, ecco perché vengono raccomandati in sostituzione di quelli tradizionali. Pensate che mezza tazza di edamame contiene 11 grammi di proteine (la razione quotidiana consigliata è di 50 grammi). Si tratta di un cibo perfetto per i vegani e i vegetariani perché la carica di energia aiuta a superare anche le giornate più difficili e i periodi di stress. Dovete sapere che gli edamame contengono vitamine del gruppo B e una massiccia quantità di vitamina C, inoltre sono una delle poche fonti di vitamina. L’apporto di minerali è ottimo, con manganese, ferro, calcio, magnesio, fosforo e rame. Le donne in gravidanza possono consumare gli edamame in quanto l’acido folico che è possibile trovare al loro interno aiuta lo sviluppo del feto e previene malformazioni. Ottimo anche l’apporto di minerali, quali manganese, calcio, ferro, magnesio, rame e fosforo. Particolarmente utili per il cuore sono la vitamina K e i folati dell’edamame, che aumentano la produzione di globuli rossi. L’acido folico è essenziale anche per le donne in gravidanza, perché aiuta lo sviluppo del feto.

Come potete capire, negli edamame è racchiuso il segreto per vivere in salute; andando ancora più a fondo abbiamo scoperto che apportano una quantità di fibre che rendono la digestione più veloce e aumentano il senso di sazietà. Quindi se siete colti da attacchi di fame improvvisi, non vi resta che sgranocchiare una manciata di edamame. Per fortuna si trovano un po’ ovunque, sia al supermercato che al fruttivendolo, diffidate dai prodotti di scarsa qualità e accertatevi sempre della loro provenienza.

Come cucinare gli edamame: hummus di edamame

edamame_2

Ed ora ecco una ricetta semplice dove i protagonisti sono gli edamame: hummus di edamame. La crema che si ottiene è perfetta per essere servita su bruschette di pane di segale caldo. Vi occorrono 250 grammi di edamame sgusciati (vanno bene anche quelli surgelati), 2 cucchiai di tahina, il succo di ½ limone e un pizzico di sale. Dopo aver fatto bollire gli edamame per 5 minuti, scolateli, versateli in una ciotola insieme a tutti gli ingredienti e frullate con il mixer, tenete da parte un po’ di acqua di cottura se la crema dovesse essere troppo densa.

Flavia

La salute non s’acquista coll’andar dal farmacista. [cit.]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.