sup

Arriva il SUP, il nuovo sport da fare in spiaggia

sup

Avete mai visto un solitario vogatore al largo munito di remo e tavola da surf? Non si tratta di una bizzarra mania ma di un vero e proprio sport: il SUP. SUP è l’acronimo di “Stand Up Paddle Surfing” e l’obiettivo principale è quello di restare in piedi sulla tavola paigando sul mare piatto o in tempesta. L’esploratore inglese James Cook, ha annotato sui suoi taccuini che alcuni nativi delle isole Hawaii cavalcavano le onde in piedi su delle tavole, mantenendo l’equilibrio con l’aiuto delle pagaie. Cook, è approdato sulle isole nel 1778 e a quell’epoca non si trattava di uno sport, ma di una pratica legata alla pesca. Solo negli anni ’50, il surf iniziò ad essere popolare nelle spiagge di Waikiki, e la stampa iniziò ad interessarsi dei surfisti pubblicando le foto e le storie dei surfers più famosi tra cui i fratelli Ah Choy. Uno di loro si avventurò nel punto più alto dell’onda sfruttando proprio la tecnica del SUP. Tuttavia, la pratica del SUP è diventata una disciplina sportiva solo nel 2000 e qualche anno dopo è arrivata anche in Italia.

Il SUP è uno sport completo, in quanto abbraccia tre discipline acquatiche come il surf, il kiteboarding e il windsurfing. Non è molto difficile da imparare, l’unica difficoltà è rappresentata dalla pagaia. Tuttavia, occorre una buona preparazione fisica per sopportare tutte le sessioni di allenamento che non avvengono sempre con il mare calmo. Mediante dei video tutorial è possibile esercitarsi anche a casa per tenere la postura corretta e modificare i principali errori che causano improvvise perdite di equilibrio e cadute (fortunatamente in acqua).

Tra le regole fondamentali del SUP, vi è quella di mantenere lo sguardo dritto, sempre in direzione della tavola e di non abbassarlo mai. La posizione del corpo invece deve essere leggermente flessa per mantenere il baricentro basso. In questo modo la tavola del SUP potrà essere controllata anche quando le onde iniziano a farla dondolare eccessivamente.

Prima di salire sulla tavola da SUP, oltre agli esercizi di stretching, è importante concentrarsi mentalmente e concedersi qualche minuto per isolarsi. Questo sport infatti richiede ottime capacità mentali (oltre ad una certa prestanza fisica).

Flavia

La salute non s’acquista coll’andar dal farmacista. [cit.]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.