alga wakame

Alga Wakame: proprietà e uso in cucina

alga wakame

É arrivato il momento di parlarvi delle alghe. Probabilmente non è il momento migliore visto che siamo in estate e i nostri mari ne sono infestati, però la protagonista del nostro nuovo articolo è l’alga wakame, un’alga marina edibile che rappresenta una risorsa alimentare per le popolazioni asiatiche.

L’alga wakame popola i fondali delle baie rocciose e dei litorali di Giappone, Cina e Corea. Si sviluppa ad un temperatura compresa tra 5 e 18 °C sino a 7 metri di profondità. Appartiene alla famiglia delle alghe brune e di recente si è diffusa anche in Australia e Francia (trasportata dalle zavorre delle navi). Tra le alghe brune impiegate in cucina, l’alga wakame è quella più ricca di proteine (ne contiene circa 16,3 grammi per 100 grammi di prodotto). Inoltre contiene tutti gli amminoacidi essenziali che costituiscono il 47% del fabbisogno proteico e il triptofano che la rende una fonte alternativa di proteine vegetali al pari di legumi e cereali.

Nei paesi di origine è un alimento vero e proprio mentre in occidente l’alga wakame è alla base di integratori alimentari per vegetariani e vegani per capelli, debolezza, scarsa concentrazione. La spinta al consumo di alga wakame deriva dalle proprietà dimagranti da attribuire allo iodio e al selenio, essenziali per il funzionamento della tiroide e del metabolismo. Tra gli altri elementi alla base dell’alga wakame vi è la fucoxantina, un carotenoide che ossida i grassi e li brucia, impedendo che si depositino. Tuttavia l’effetto dimagrante è dato anche dalle fibre colloidali che si gonfiano quanto entrano in contatto con l’acqua presente nello stomaco. Gli alginati invece proteggono le pareti dello stomaco dai succhi gastrici. La dose giornaliera di alga wakame è compresa tra 2 e 4 grammi, ideale per non scombussolare il delicato equilibrio dell’organismo. Dosi massime sono consigliate solo nei soggetti con disfunzioni tiroidee.

Per quanto riguarda gli usi in cucina dell’alga wakame, quello più conosciuto è il sushi (roll, temaki), ma vi sono delle ottime zuppe a base di questo prodotto abbinato al tofu. Se non siete amanti della cucina orientale potete cucinare l’alga wakame con olio, aglio e pomodori. Usate sempre quella essiccata e accertatevidella sua provenienza.

Flavia

La salute non s’acquista coll’andar dal farmacista. [cit.]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.