Dieta Ornish

Dieta Ornish: Come funziona? Rischi, benefici e consigli utili

Dieta Ornish
Dieta Ornish: come funziona? Rischi, benefici e consigli utili.

È la grande moda degli ultimi anni ed è riuscita a conquistarsi la fiducia delle celebrità di tutto il mondo, da Hollywood al mondo della musica. Stiamo parlando della dieta Ornish, un regime alimentare considerato tra i più efficaci per perdere peso e non solo…

Ecco in cosa consiste, i potenziali benefici ed i rischi che può comportare.

Dieta Ornish: Come funziona?

Ideato dal cardiologo americano Dean Ornish, questo regime alimentare non nasce esplicitamente con l’obiettivo di favorire una riduzione del peso corporeo, bensì  con quello di ridurre al minimo i rischi cardiaci.

La teoria di base è che con una drastica riduzione dell’apporto di grassi si può contrastare l’insorgere di molte patologie e, al contempo, tagliare l’introito di calorie. I lipidi forniscono infatti quasi il doppio delle calorie per grammo rispetto a proteine e carboidrati.

A seconda dell’obiettivo di ogni singola persona, la Dieta Ornish prevede due tipi di programma:

  • Classico: più restrittivo, pensato per chi già soffre di problemi cardiocircolatori
  • Preventivo: meno rigido rispetto al precedente, è adatto a soggetti sani che vogliono solo scongiurare il rischio di patologie cardiache o desiderano perdere peso

Dieta Ornish: Cosa e come mangiare

La Dieta Ornish prevede una precisa proporzione dei macronutrienti assunti con l’alimentazione quotidiana:

  • 70-75% carboidrati
  • 15-20% proteine
  • 10% grassi

Come già spiegato, sono previsti due diversi programmi all’interno di questo regime alimentare. Ecco una rapida panoramica di cosa prescrivono:

  • Dieta Ornish Classica

Alimenti concessi: frutta, verdura, cereali integrali, legumi, soia, bianco d’uovo, yogurt magro, latte scremato, tè e tisane

Alimenti ammessi in piccole dosi: olio extravergine di oliva (massimo due cucchiai al giorno)

Alimenti vietati: carne, pesce, condimenti grassi, grassi di cottura, frutta secca, caffè

  • Dieta Ornish Preventiva

Alimenti concessi: in aggiunta a quelli previsti dal programma classico, sono ammessi pesce magro e carne bianca (pollo e tacchino) privata della pelle

Alimenti vietati: alimenti ricchi di acido arachidonico (carne rossa, insaccati, salumi, tuorlo d’uovo, burro, strutto, pesce grasso e di allevamento)

Dieta Ornish: Benefici

Ma quali sono dunque i benefici che questo tipo di regime alimentare può portare al nostro organismo?

Ecco i maggiori fattori di successo della Dieta Ornish:

  • Nessuna limitazione di calorie giornaliere
  • Maggiore senso di sazietà grazie all’apporto di fibre
  • Riduzione della concentrazione di colesterolo nel sangue
  • Minore rischio di patologie cardiocircolatorie
  • Valido aiuto per il dimagrimento
  • Contrasta l’invecchiamento cellulare grazie all’eliminazione dei radicali liberi

Dieta Ornish: Rischi e Controindicazioni

Oltre agli indiscussi benefici, la Dieta Ornish presenta inevitabilmente anche degli svantaggi.

Ecco le principali controindicazioni (di salute e non) di questo regime dietetico:

  • Complicazioni gastrointestinali per l’assunzione di grandi quantità di fibre
  • Poco piacevole al palato per l’assenza di sale e condimenti
  • Prevede importanti rinunce, come quella alla carne
  • Scarso apporto di grassi “benefici” come gli omega 3, fondamentali per il buon funzionamento del nostro organismo
  • Nella dieta classica, insufficiente presenza di Vitamina B12

Per quanto riguarda le carenze nutrizionali è possibile limitare il problema grazie all’assunzione regolare di integratori alimentari.

Elisa

Notizie, consigli e curiosità per aiutare a ritrovare uno stile di vita salutare... senza dimenticare la bellezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.