listeria batterio

Che cos’è la listeria e come evitarla

La listeria è una malattia infettiva generalmente trasmessa attraverso gli alimenti. L’infezione avviene a causa del consumo di alimenti crudi o per contatto diretto con animali infetti. I cibi colpevoli di questa malattia sono vari; tra questi, ci sono il latte non pastorizzato, i formaggi freschi, gli insaccati e le verdure contaminate. È una malattia molto rara, che statisticamente colpisce in media 6 persone su un milione, soprattutto neonati e adulti sopra i 60 anni. A rischio sono anche le donne in stato di gravidanza, persone con un sistema immunitario debole e chi ha subito trapianti. Fra i sintomi e i segnali d’allarme della listeria, si possono elencare febbre alta, peritonite e meningite. Ci sono delle accortezze fondamentali per ridurre al minimo il rischio di contrarre questa infezione; eccone alcune.

batterio della listeria

  • Evitare di bere latte non pastorizzato e consumare alimenti che abbiano questo ingrediente al loro interno;
  • Lavare accuratamente le mani, i coltelli e i taglieri dopo aver maneggiato e tagliato cibi crudi in cucina;
  • Prima di mangiare, lavare accuratamente sotto l’acqua corrente il cibo crudo;
  • Cucinare sempre il cibo di provenienza animale, come ad esempio la carne e i frutti di mare. Fare attenzione in particolare alla cottura della carne;
  • Evitare di conservare troppo a lungo cibi pronti e facilmente deperibili.

Alcune raccomandazioni utili per l’ambiente della cucina sono di mantenere la temperatura del frigorifero entro i 4° gradi e il congelatore sotto i -17°, cercando di mantenerlo il più pulito possibile, soprattutto dagli avanzi di carne cruda. È importante inoltre pulire le pareti del frigo con acqua e sapone, per igienizzare e sterilizzare il posto in cui conserviamo i nostri alimenti.

I soggetti a rischio, come ad esempio le donne in gravidanza, dovrebbero seguire anche queste accortezze:

  • Evitare di mangiare panini che contengono carni o prodotti elaborati senza scaldarli prima del consumo;
  • Non mangiare formaggi molli se non si ha la certezza che contengano latte pastorizzato;
  • Evitare di consumare patè di carni fresche non inscatolati.

La listeriosi rientra nel gruppo di malattie per le quali sono stati stabiliti sia negli Stati Uniti che in Europa reti di sorveglianza sulla sicurezza alimentare con obbligo di denuncia. Queste reti permettono di ritirare i prodotti a rischio dal mercato, informando i consumatori del pericolo.

Il trattamento della malattia passa attraverso una terapia antibiotica, sia per gli adulti che per i bambini. Una cura antibiotica somministrata precocemente a una donna incinta può prevenire la trasmissione della malattia al feto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.