bacche di amla

Cos’è l’amla? Conosciamo questo integratore antiossidante

Utilizzatissima nella medicina ayurvedica orientale, l’amla è considerata il frutto dell’eterna giovinezza nella cultura indiana. E a ragione: queste bacche verdi sono ricchissime di vitamina C e polifenoli, che le rendono un potentissimo antiossidante naturale.

bacche di amla

Che cos’è l’amla?

E’ una pianta arborea che cresce nelle aree subtropicali del Sud-Est asiatico. L’amla – il cui nome scientifico è Emblica Officinalis – è una delle piante medicinali più importanti per la medicina ayurvedica, che mira a migliorare ed allungare la vita dell’essere umano in armonia con la natura. Questa pianta, detta anche “amalaki” o “uva spina indiana”, produce dei frutti simili a susine, dalla polpa succosa di color verde chiaro che cresce attorno ad un seme coriaceo. Ha un sapore estremamente amaro, tanto che non si va oltre l’assunzione di due bacche al giorno neanche in caso di indicazioni mediche. E’ un frutto ricchissimo di vitamina C, utile per il sistema immunitario, dall’azione astringente, digestiva, lassativa e, per la cultura orientale, anche afrodisiaca.

 

Storia, leggende e usi in medicina orientale

In virtù delle sue proprietà antiossidanti, oggi ormai confermate, la medicina popolare indiana considerava l’amla come “il frutto dell’eterna giovinezza“. Questa pianta fa infatti parte di molti culti e di molte leggende hindu: antichi testi poetici la decantano come simbolo della longevità concessa all’uomo direttamente dagli dei. Per questo motivo in medicina ayurvedica la polvere ricavata dall’essiccamento di queste bacche è utilizzata da millenni per la cura delle più svariate malattie, specie per quelle degenerative connesse con l’invecchiamento, come Parkinson, Alzheimer e demenza senile. Per la cultura orientale l’amla ha proprietà astringenti, digestive, lassative, toniche, diuretiche e afrodisiache. E c’è da dire che questa alta considerazione dell’amla non è scalfita nemmeno dalla medicina occidentale moderna.

 

Propietà curative dell’amla

Una bacca di questa pianta può contenere una quantità di vitamina C pari o addirittura superiore a quella contentua in due arance. Questo rende l’amla una delle più ricche fonti di acido ascorbico esistenti in natura. Oltre alla vitamina C, questa è ricca di flavonoidi e polifenoli, il che la rende un ottimo alleato non solo contro i malanni stagionali da raffreddamento (raffreddore e influenza), ma anche in cosmetica contro l’invecchiamento della pelle. I ricercatori dell’istituto Niwa di Studi Immunologici, in Giappone, sono riusciti a dimostrare l’alta concentrazione di superossido dismutasi nella povere di queste bacche portentose (Fonte: qui): questo enzima è un potentissimo antiossidante, che elimina efficacemente i radicali liberi in eccesso nel nostro organismo, rallentando così il processo di invecchiamento e rinforzando le difese immunitarie. Recenti studi stanno anche portando conferme riguardo l’azione antitumorale dell’amla (che tuttavia sono ancora da confermare). Sono invece già noti i suoi effetti antibatterici e antimicotici: stimolando la produzione di corticosteroidi e di interferone, l’assunzione di integratori a base di amla aiuta a contrastare funghi, batteri e virus.

Per riassumere, gli innumerevoli benefici dell’amla sono:

  • aumenta le difese immunitarie;
  • combatte influenza e raffreddore;
  • aiuta nella cura contro virus, batteri e funghi;
  • combatter i radicali liberi svolgendo un’azione anti-aging;
  • aiuta a curare le patologie epatiche, cardiache;
  • svolge un’azione coaudiuvante nella battaglia contro le cellule tumorali.

 

Benefici per pelle e capelli

L’olio e la povere d’amla hanno oggi larghissimo impiego in cosmetica. L’azione antiossidante di questa pianta è infatti considerata preziosa per tutti coloro che cercano sostituti naturali ai prodotti chimici dell’industria cosmetica. Ecco quindi che l’amla inizia ad essere usata anche in occidente nella cura dei capelli e della pelle, in particolare quella del viso.

  • Maschera purificante per il visoCreare una miscela cremosa di acqua calda e polvere di amla e applicarla sulla pelle per 10 minuti. Questo impacco può essere utilizzato sulla pelle del viso, ma anche su tutto il corpo prima della doccia. Sulla pelle l’amla svolge proprietà tonificanti e purificanti, aiuta a ridurre la comparsa dei brufoli e a schiarire le macchie solari. La sua azione antiossidante rende questa crema a base di polvere di amla un’ottima maschera anti-età. Se si soffre di acne si può aggiungere all’impacco qualche goccia di olio essenziale di tea tree, mentre se la propria pelle del viso è secca basterà aggiungere alla maschera mezzo cucchiaino di miele.
  • Impacchi per capelli: anti caduta, purificanti e pigmentantiTra le innumerevoli proprietà dell’amla ci sono quelle protettive sul cuoio capelluto: che sia assunta mediante integratori o applicata sui capelli con un impacco a base di olio o di polvere di amla, questa aumenta la forza dei follicoli piliferi. In questo modo svolge un’azione anti caduta e permette una crescita più rapida della chioma. Inoltre combatte la perdita di pigmentazione dei capelli: favorisce la pigmentazione (spesso infatti viene aggiunta agli impacchi coloranti a base di hennè) e rallenta la comparsa dei capelli bianchi. Infine le maschere di polvere di amla sono consigliate a chi ha i capelli grassi, perchè regola la produzione di sebo e purfica il cuoio capelluto.Dopo aver fatto riposare per due ore il composto ottenuto miscelando polvere di amla con acqua calda, lasciarlo agire sul cuoio capelluto e sulle lunghezze per almeno 15 minuti e massaggiarlo delicatamente. Risciacquare abbondantemente per eliminare ogni residuo di impacco, ed eseguire un risciacquo acido, ovvero un ultimo risciacquo con un cucchiaio di aceto di mele diluito in mezzo litro di acqua fredda.

    Se il vostro cuoio capelluto non è eccessivamente grasso potete pensare di utilizzare qualche goccia di olio di amla, lasciandolo agire per almeno un’ora prima dello shampoo. Questa procedura è consigliata ai capelli più secchi e sfibrati, magari d’estate, quando sono stressati da sole, salsedine e docce frequenti.

Che sia assunta come integratore, succo concentrato o applicata sotto forma di olio o in polvere, l’amla potrà apportare alla vostra salute tutti gli innumerevoli benefici illustrati in questo articolo. Impiegata da millenni nella medicina ayurvedica, le bacche di amla sembrano veramente essere “il frutto dell’eterna giovinezza“.

Continua con l'argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *