Yoga - Saluto al Sole

Yoga, Saluto al Sole: Tutti i segreti, i benefici ed i rischi

Yoga - Saluto al Sole
Yoga – Saluto al Sole

Salutare il Sole che nasce per iniziare al meglio un nuovo giorno.

È questo il principio base del “Saluto al Sole” o Surya Namaskara – dal giapponese Surya (sole) e Namaskara (saluto) – una delle posizioni dello Yoga più famose e apprezzate.

In realtà definire il Saluto al Sole una posizione non è corretto: si tratta infatti di una serie di Asana (così vengono definite le varie figure dello Yoga) che devono essere rigorosamente praticate in successione. Non si tratta dunque di un esercizio statico, bensì di un allenamento dinamico in grado di dare al corpo una carica di energia ed equilibrio per affrontare al meglio la giornata.

Ecco dunque tutti i segreti del Saluto del Sole ed i suoi benefici.

Saluto al Sole: Come funziona

Come praticare dunque il Saluto al Sole consiste?

Come già anticipato, il Surya Namaskara è una sequenza di dodici posizioni da eseguire in successione come se si trattasse. Di seguito troverete la descrizione di ogni singola tappa di questo importante esercizio della disciplina Yoga:

Yoga - Saluto al sole
Yoga – Le 12 posizioni del Saluto al sole
  • Posizione della Preghiera.
    Si parte in piedi, con la schiena diritta ed i piedi alla larghezza dei fianchi. Espirando, portare le mani al petto in posizione di preghiera.
  • Posizione dell’allungamento verso l’alto.
    Distendere le braccia verso l’alto e poi, inspirando, inarcarsi lentamente all’indietro formando un arco con il corpo.
  • Posizione delle Mani ai Piedi.
    Espirando, piegarsi in avanti portando il busto parallelo alle cosce fino a poggiare i palmi delle mani il più possibile vicini ai piedi.
  • Posizione Equestre.
    Inspirando, portare indietro la gamba destra fino a distenderla, mentre quella sinistra ha il ginocchio piegato poco oltre la linea con le spalle. Reclinare il capo e fissare il cielo.
  • Posizione del Cane.
    Espirando, portare indietro anche la gamba sinistra, sollevare il bacino facendo leva sulle spalle fino a formare un triangolo con il corpo.
  • Posizione degli Otto Punti.
    Distendersi sul pavimento con i gomiti piegati verso l’alto ed i palmi poggiati per terra poco dietro le spalle. Trattenendo il respiro, sollevare il bacino mantenendo ginocchia, mani, mento e torace ben poggiati sul pavimento.
  • Posizione del Cobra.
    Inspirando, abbassare il bacino e, poggiando il peso sui palmi delle mani, sollevare il busto da terra. A questo punto distendere le braccia e, stringendo i glutei, reclinare il capo e fissare gli occhi al cielo.
  • Posizione del Cane.
    Espirando, fare leva sulle spalle per tornare alla Posizione del Cane.
  • Posizione Equestre.
    Inspirando, portare la gamba sinistra in avanti col ginocchio piegato tornando alla Posizione Equestre.
  • Posizione delle Mani ai Piedi.
    Espirando, riportare la gamba destra in linea con quella sinistra, mantenere le mani sul pavimento e distendere gradualmente le gambe mantenendo il busto piegato.
  • Posizione dell’allungamento verso l’alto.
    Inspirando, distendere la schiena inarcandosi all’indietro con le braccia tese che proseguono idealmente la linea della colonna.
  • Posizione della Preghiera.
    Espirando, raddrizzarsi e tornare in posizione eretta con le mani giunte al petto.

L’intera sequenza andrebbe ripetuta dalle 4 alle 6 volte, possibilmente in numero pari in modo da poter alternare la gamba da portare indietro.

Saluto al Sole: Benefici

Se le Asana dello Yoga puntano sul mantenimento di specifiche figure per potenziare la muscolatura, il Saluto al Sole fa al contrario proprio della sua dinamicità e fluidità la propria forza.

L’esecuzione continua delle dodici posizioni che compongono questo esercizio permette infatti la riattivazione muscolare e del metabolismo, liberando una notevole carica di energia nel corpo.

La dolcezza dei movimenti e l’equilibrio delle singole Asana permettono inoltre di evitare un affaticamento delle articolazioni, che, al contrario traggono beneficio.

Infine, uno degli aspetti più interessanti il questo esercizio è che riesce al contempo ad energizzare l’organismo ed a donare equilibrio e serenità, andando così a contrastare l’insorgere di stress, tensioni ed insonnia.

In conclusione, il Saluto al Sole è un esercizio di cui possono beneficiare tutti, indipendentemente da età o preparazione atletica, ma è particolarmente indicato per chi soffre di ansia, insonnia, rigidità e ipertensione.

Saluto al Sole: Possibili controindicazioni

Se praticato con la giusta frequenza e secondo i ritmi dettati dallo stato di allenamento del proprio corpo, il Saluto al Sole non dovrebbe comportare nessun rischio per la salute.

Fatta questa premessa, generalmente questo esercizio viene sconsigliato alle donne in stato di gravidanza oppure in menopausa. Inoltre, chi soffre di dolori alla schiena o patologie che coinvolgono la colonna vertebrale dovrebbe praticare le Asana del saluto del Sole con particolare cautela e sotto rigoroso controllo.

 

Elisa

Notizie, consigli e curiosità per aiutare a ritrovare uno stile di vita salutare... senza dimenticare la bellezza!

1 commento

  1. In questo sito si dice che il Saluto al Sole è indicato a chi soffre di ipertensione, in altri siti analoghi si dice il contrario, cioè che è controindicato agli ipertesi. Mi piace il Saluto al Sole e vorrei praticarlo con regolarità al mattino. Ho 76 anni e un po’ di acciacchi, tra cui l’ipertensione, scoperta recentemente, che mi sta procurando ansia, perché il farmaco che ho iniziato a prendere mi fa più male che bene, sono in attesa di sostituirlo con un altro e anche questo mi preoccupa. C’è qualche persona competente che possa darmi un consiglio? L’ideale sarebbe un medico esperto di yoga, ma mi rendo conto che non posso pretendere tanto… Grazie per l’attenzione. Maria Prampolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.