Dieta Macrobiotica: Come funziona? Rischi, benefici e consigli utili

Dieta Macrobiotica
Dieta Macrobiotica: Rischi, benefici e consigli utili

Frutto di culture millenarie per la cura del corpo e dell’anima, la Dieta Macrobiotica rappresenta uno dei più grandi insegnamenti lasciatici in eredità dalle antiche filosofie orientali.

Come spesso accade nelle discipline provenienti dall’Asia, filosofia e medicina si fondono dando vita ad un vero e proprio stile di vita che va ben oltre semplici precetti sul regime alimentare da seguire.

Ecco dunque alcune informazioni utili per chi volesse approcciarsi alla Dieta Macrobiotica, incluse informazioni pratiche, consigli e, soprattutto, una panoramica di benefici e controindicazioni.

Dieta Macrobiotica: Come funziona

Il suo nome è già un programma: dal greco makros e bios, la Dieta Macrobiotica promette una “lunga vita”. Sviluppatasi in Oriente nel corso dei millenni, questo programma alimentare e spirituale fu diffuso in Occidente dal medico giapponese Nyioti Sakurazawa agli inizi del secolo scorso.

Ricollegata allo stile di vita dei monaci buddisti, la Dieta Macrobiotica si basa su un obiettivo fondamentale: raggiungere l’equilibrio tra lo Yin e lo Yang, necessario per il benessere di corpo e spirito. Per quanto riguarda gli alimenti, la distinzione è la seguente:

  • Alimenti Yin: cibi acidi, dolci e freddi

Esempi: frutta, latte, latticini, tè, caffè, miele, cioccolato, spezie

  • Alimenti Yang: cibi alcalini e caldi

Esempi: carne, pesce, pollo, uova, sale, olio d’oliva

  • Alimenti bilanciati: cibi che presentano caratteristiche intermedie tra lo Yin e lo Yang

Esempi: legumi, cereali e semi oleosi

L’obiettivo della filosofia zen alla base della Dieta Macrobiotica è dunque favorire il bilancio energetico tra Yin e Yang evitando cibi che eccedano nell’uno o nell’altro senso.

Dieta Macrobiotica: Cosa e come mangiare

Come abbiamo visto, la Dieta Macrobiotica prevede il consumo di alimenti nel rispetto dell’equilibrio dello Yin e dello Yang. Più che la quantità, dunque, conta la qualità e tipologia dei singoli alimenti. Andrebbe comunque rispettata una proporzione tra i diversi tipi di cibo ad ogni pasto, riassumibile con la cosiddetta “piramide di Kushi”:

50% – Cereali integrali in chicchi

30% – Verdure (crude o cotte)

10% – Proteine vegetali (legumi) e, solo saltuariamente, pesce

10% – Frutta e alghe

Di seguito trovate una panoramica esaustiva dei cibi ammessi dalla Dieta Macrobiotica e di quelli invece vietati:

  • Alimenti Concessi:
    • Legumi (principale fonte proteica in sostituzione di carne e uova)
    • Cereali integrali a chicco (riso integrale, orzo, farro, avena, miglio)
    • Verdure (sia crude che cotte)
    • Alghe
    • Frutta
    • Ortaggi
    • Latte di riso, tofu, formaggio di soia
    • Olio d’oliva o di semi
    • Sale marino integrale
    • Semi oleosi (zucca, lino e girasole)
    • Miso
    • Salsa di soia
    • Tè verde
  • Alimenti da consumarsi solo saltuariamente:
    • Pesce
    • Carne bianca
    • Frutta secca
    • Pasta integrale e cous cous
  • Alimenti Vietati:
    • Alimenti raffinati o prodotti industrialmente (pasta, prodotti da forno, dolci, zucchero, miele, dadi per brodo, sale industriale)
    • Alimenti che contengono eccessi di Yin o di Yang (carne, pomodori, funghi)
    • Eccitanti (caffè)
    • Verdure contenenti alcaloidi (es. patate, pomodori, melanzane)
    • Frutta tropicale come mango e papaya
    • Carne, uova, insaccati, selvaggina
    • Latte e latticini di origine animale
    • Latte di soia (in quanto prodotto di scarto della soia)
    • Aceto di vino

La filosofia della Dieta Macrobiotica fornisce inoltre alcuni consigli sulla preparazione ed il consumo dei pasti:

  • Utilizzare utensili da cucina naturali ed ecologici (es. legno e terracotta)
  • Cuocere meno i cibi in estate e maggiormente in inverno
  • Consumare la frutta con la buccia e lontana dai pasti
  • Masticare con cura

Dieta Macrobiotica: Proprietà benefiche e dimagranti

Per quanto basata su una filosofia che poco ha a che vedere con la medicina, la Dieta Macrobiotica presenta dei benefici per la salute provati scientificamente.

Grazie all’eliminazione di prodotti raffinati, dolciumi e zuccheri e all’abbondante consumo di frutta e verdura, questo regime alimentare ha effetti purificanti sull’organismo, aiutando il fegato e favorendo il recuperare la forma fisica eliminando i chili di troppo.

Per lo stesso motivo, la Dieta Macrobiotica può essere utilizzata per diminuire il tasso di colesterolo nel sangue e aiuta anche nel combattere malattie respiratorie croniche come l’asma.

Dieta Macrobiotica: Controindicazioni e rischi

Al di là delle difficoltà pratiche che comporta per l’utilizzo di prodotti non industriali e la speciale preparazione del cibo, la Dieta Macrobiotica può comportare anche alcuni scompensi per l’organismo:

  • Scarsità di molti nutrienti come latticini e carne e conseguenti carenze di ferro, vitamine e calcio che possono provocare anemia e osteoporosi
  • Assenza di proteine animali, caratterizzate da un alto valore biologico, importantissime per la muscolatura
  • Alto contenuto di iodio e dunque potenziale pericolo per chi soffre di ipertiroidismo

Per questi motivi la Dieta Macrobiotica è da seguire rigorosamente dietro controllo medico, ma è comunque generalmente sconsigliata a bambini, giovani ancora in fase di crescita e donne in stato di gravidanza.

Continua con l'argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *